Titolo: La Nuova Mantova

La voce dei quartieri

Visite: 227786

Non sei registrato? Registrati

A Natale gli immancabili tortelli di zucca

(Cultura)

Quartiere coinvolto: Centro storico

immagine articolo

Nell'ormai prossimo Natale (in particolar modo per la vigilia), è immancabile per i Mantovani, un buon piatto di tortelli di zucca. Qui di seguito riportiamo l’intervento di Maria Rosa Macchiella, insegnante, botanica e scrittrice, che mercoledì 11 dicembre scorso ha presentato il suo libro “Il gusto della natura”, alla rassegna del Caffè Letterario di Mantova che si tiene all’Hemingway Cafè.

<<Con il termine zucca – spiega Macchiella - troviamo vari tipi di frutti globosi o allungati, con buccia liscia o rugosa, di vari colori. Appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee e al genere Cucurbita. Pianta erbacea con grandi foglie, ha portamento rampicante o prostrato e vistosi fiori gialli. Originaria del continente americano, veniva già coltivata già 5000 anni prima di Cristo. La sua diffusione in Europa avvenne dopo la scoperta dell’America. In Italia viene coltivata soprattutto al Nord ma è consumata ovunque. La zucca è tutta commestibile: la polpa, gialla o arancione, i fiori, le foglie giovani, i semi e anche la buccia. Può essere tagliata a fette, lessata o cotta al forno, poi schiacciata per ottenere una morbida crema. Una classica ricetta autunnale è una morbida vellutata oppure un bel piatto di tortelli o di risotto. I semi di zucca si possono tostare alcuni minuti e poi si può consumarne una manciata per avere energia e integrazione di vitamine e sali minerali, magnesio e zinco. Possono anche essere aggiunti all’insalata mista o ad una coppetta di cereali e yogurt. La zucca può essere tagliata a fette e anche surgelata. Nonostante il sapore dolce e la consistenza compatta, è ipocalorica. Un etto di polpa apporta circa venticinque calorie. È fonte di fibre, sali minerali, calcio, fosforo, selenio e magnesio, betacarotene, precursore della vitamina A, eccellente antiossidante e vitamine C e gruppo B. Protegge la pelle, i capelli e le unghie, la flora intestinale e le vie urinarie. Contiene anche grassi Omega- 3, adatti a prevenire problemi cardiovascolari e triptofano, che alza il livello della serotonina, ormone del benessere, presente anche nelle banane e nel cioccolato. Alcuni birrifici artigianali la usano per aromatizzare la birra. La zucca si può conservare in un ambiente fresco e asciutto, si manterrà fresca per alcuni mesi. Viene utilizzata con fantasia per creare piatti sempre nuovi. Tagliata a fettine e fritta è uno sfizioso antipasto. Si presta anche per dolci tipici autunnali come l’americana pumpkin pie, in cui la polpa è insaporita con spezie o i deliziosi muffin. Tradizionalmente, nel territorio mantovano, si mangiano i tortelli di zucca la sera della vigilia di Natale>>. Questa ricetta, insieme a molte altre, si trova nel libro "Il Gusto della Natura" di Maria Rosa Macchiella.

Tortelli di zucca

Ricetta mantovana tradizionale che risale alla fine del ‘500, alla corte dei Gonzaga.

Ingredienti (per 4 persone)

per la sfoglia:

400 g di farina 0

4 uova

 

per il ripieno:

circa un kg di zucca mantovana

2 cucchiai di mostarda di mele

100 g di amaretti

150 g di formaggio grana

noce moscata, sale q.b

buccia di limone bio

 

per condire:

burro

salvia

 formaggio grana

Preparazione:

<<Tagliare la zucca a fette e cuocerla in forno a 180° per circa tre quarti d'ora, finchè sarà morbida e asciutta. Quando si sarà intiepidita togliere la buccia e schiacciare la polpa in una terrina con una forchetta. Unire gli amaretti tritati fini, un pizzico di sale e il formaggio grattugiato, Padano o Parmigiano. Con un cucchiaio di legno amalgamare gli ingredienti.

Tritare finemente la mostarda di mele e incorporarla al composto. Insaporire con la scorza grattugiata di limone e un pizzico di noce moscata. Mescolare molto bene per incorporare gli ingredienti. Coprire il ripieno e lasciarlo in frigo per una notte poiché i sapori si devono ben amalgamare. Togliere il ripieno dal frigo circa un’ora prima di utilizzarlo. Preparare la pasta all’uovo per la sfoglia. Mettere la farina sul piano di lavoro a fontana, rompere le uova e versarle al centro. Impastare, prima con una forchetta e poi con le mani. Formare una palla di pasta elastica e soda. Coprirla con un canovaccio e lasciarla riposare per almeno un’ora. Stendere la pasta in sfoglia sottile e ricavarne dei lunghi rettangoli e poi, con la rotella dentellata, tagliare dei quadrati di 6-7 cm di lato. Distribuire su ognuno, con un cucchiaino, un mucchietto di ripieno. Piegare poi a metà i quadrati di sfoglia premendo attorno per sigillare i bordi. Lessare i tortelli in acqua bollente salata per 5-6 minuti. Nel frattempo preparare il condimento. Fondere il burro in un tegame e aromatizzarlo con alcune foglie di salvia. Scolare i tortelli e deporli a strati in una zuppiera, condire con il burro fuso e abbondante formaggio grattugiato. Coprire e lasciare riposare cinque minuti prima di servire>>.

0 commenti - Aggiungi un commento

Per lasciare un commento è necessario registrarsi: Registrati

Torna su
Chiudi Large image