Titolo: La Nuova Mantova

La voce dei quartieri

Visite: 178673

Non sei registrato? Registrati

Al Bibiena luce su Matilde Serao intelligente giornalista

(Festivaletteratura)

Quartiere coinvolto: Centro storico

immagine articolo

<<”Il Ventre di Napoli” è un reportage giornalistico. Alcune delle sue pagine sembrano scritte per l’oggi>>. Non ha dubbi Antonia Arslan, scrittrice e saggista italiana di origine armena, che oggi pomeriggio al Bibiena ha fatto luce su Matilde Serao, scrittrice e intelligente giornalista, fondatrice de “Il Mattino”, il noto quotidiano partenopeo. <<Il “Ventre di Napoli” – ha detto Arslan - racconta capitolo per capitolo la realtà della sua città, cosa c’è, cosa mangiano i napoletani, cosa danno per un soldo e per due soldi, cos'è la realtà del gioco, come si gioca, cos'è la realtà del lotto e cos'è la forza della solidarietà di questa povera gente e quell'incredibile ammucchiarsi in questi fetidi fondaci (i cortili chiusi della plebe napoletana, che ama il sole e che è costretta a vivere quasi nel buio)>>. La cronista Serao ha raccontato la <<tragedia delle vite spezzate>>. Perché l’ha fatto? Perché si è interessata così tanto?  <<Perché come ogni buon giornalista è mossa da un evento. L’evento in questione –ha spiegato Arslan -  era l’epidemia di colera del 1884. Non si accontenta degli articoli che scrive a caldo e che pubblica su un giornale di Roma, subito dopo la visita del Re e del Primo Ministro Italiano a Napoli che loro dicono “bisogna sventrare”>>. Vent’anni dopo quel tragico evento la giornalista Serao torna sull'argomento con vari articoli e nel 1904 dà al lettore <<una complessa, precisa e variegata immagine della tragedia di questa città. Alcune di queste pagine – continua Arslan - sembrano scritte per l’oggi>>. A far risaltare ancora di più la bravura giornalistica di Serao è stata anche l’attrice Nicoletta Maragno che ha letto alcuni passi dell’opera di Serao . Tra cui il passo iniziale in cui la fondatrice del Mattino “bacchettò” il presidente del consiglio di allora, Agostino Depetris che ha usato la frase “sventrare Napoli” per indicare la necessità di una bonifica urbanistica. Lui non conosceva affatto Napoli. <<Voi siete il Governo e il Governo deve saper tutto>>. Tanti applausi da un pubblico prevalentemente femminile. 

 

0 commenti - Aggiungi un commento

Per lasciare un commento è necessario registrarsi: Registrati

Torna su
Chiudi Large image